bookabook

La mia esperienza con bookabook pt.1

LA MIA ESPERIENZA CON BOOKABOOK
Parte prima: dall’invio alla pianificazione della campagna

Negli ultimi mesi ho inviato il mio manoscritto a svariate case editrici, tra queste mi ha molto colpito la filosofia editoriale di una in particolare: bookabook.

Di cosa parliamo

In realtà, definirla una semplice casa editrice sarebbe piuttosto riduttivo, tant’è che preferisco riprendere quanto scritto sul relativo sito: «CHE COS’È BOOKABOOK? Un nuovo modo di fare editoria, dove solo le storie migliori incontrano i lettori e si trasformano in libri.»
A differenza delle tradizionali case editrici in cui si è soliti inviare un manoscritto e venir accettati o rifiutati, bookabook utilizza un diverso metodo di selezione, anzi ne usa più di uno.
Data la complessità dell’argomento ho deciso di raccontarvi la mia esperienza man mano che la mia “collaborazione” con la Casa avrà luogo, così da aggiornarvi sulle diverse fasi.
In questo specifico primo articolo, tratterò ciò che avviene dal momento dell’invio del manoscritto fino alla pianificazione della campagna.

Le fasi editoriali

Dunque, per l’invio del proprio lavoro, bookabook propone un modulo da compilare sul proprio sito (clicca qui). Voi non dovrete fare altro che rispondere a semplici domande inerenti alla vostra opera e persona e in seguito allegare sinossi+manoscritto.
A questo punto la redazione darà luogo a una prima selezione, leggendo il materiale inviato e fornendovi un feedback sia positivo che negativo.
Un punto a favore di bookabook sono le risposte rapide. Per farvi un esempio, io ho inviato il mio romanzo il primo luglio e il sedici ho ricevuto un’email dalla redazione, fortunatamente un’email positiva.
Ricevere un responso positivo non significa essere automaticamente pubblicati, difatti, come ho precisato prima, c’è un’ulteriore selezione da superare: quella dei lettori.
Bookabook infatti a partire da questo momento metterà in atto una campagna di crowdfunding.
Prima di ciò, vi verrà inviato un primo contratto da firmare, contenente tutte le regole in merito e verrete poi messi in contatto con la campaign strategist, che vi fornirà tutte le informazioni per organizzare una buona campagna di crowdfunding.

Fermi tutti: cosa vuol dire che devo fare una campagna per pubblicare il mio libro?

Il vostro manoscritto verrà messo a disposizione sul sito della casa editrice, ci sarà la sinossi, la vostra biografia e un’anteprima della vostra opera. L’obiettivo è quello di riuscire a ottenere 200 pre-ordini in 100 giorni (120 se la campagna ha luogo tra il 1 giugno e il 31 agosto). Il libro sarà presente sia in formato cartaceo che e-book.

Terminati i 120 giorni possono verificarsi tre casi:
Avete raggiunto lo scopo e “venduto” 200 copie: verrete pubblicato e distribuiti da Messaggerie Libri. Inoltre vi verranno concessi altri 30 giorni per raggiungere un ulteriore obiettivo (vendere 350 copie), ottenendo ulteriori benefici.
Avete venduto almeno 60 copie: queste subiranno un lieve editing e verranno spedite a chi le ha ordinate nel formato richiesto.
Non avete raggiunto 60 copie: chi ha ordinato il libro verrà rimborsato e tutto tornerà come prima anche per voi: sarete liberi di inviare e pubblicare con un’altra casa editrice.

Per quanto il meccanismo della campagna sia la fase che personalmente mi spaventa maggiormente, ritengo che l’idea di attuare una campagna prima dell’eventuale pubblicazione di un libro non sia per nulla male. L’obiettivo non è solo raccogliere fondi per finanziare una piccola parte della pubblicazione, ma fare in modo che attorno agli autori si costruisca una vera e propria comunità di lettori. Questo è uno dei motivi che mi ha spinto a proporre la mia opera anche a loro, poiché come ho sempre detto nell’ultimo periodo, mi piacerebbe molto avere una community “mia” e questa sarebbe una buona occasione per farlo.

Per il momento queste sono tutte le informazioni che posso fornirvi. Domani avrò la mia prima telefonata con la campaign strategist e non appena la fase successiva, ossia quella della campagna, verrà avviata vi terrò aggiornati.

Mi raccomando, conto sul vostro aiuto per raggiungere le 200 copie o almeno tentarci!

Leggi anche

  1. La trama del mio romanzo
  2. Incipit de “Il costo dei desideri”
  3. Matilde e Fabio, i gemelli de “Il costo dei desideri”
  4. Il costo dei desideri: Riccardo, il bambino fortunato
  5. #Gaypride2019 Milano

Lascia un commento

Please Login to comment
avatar
  Subscribe  
Notificami
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: